Aggiornamento lotta alla scolarizzazione Rom e mediazione interculturale a Roma Capitale

La vivace protesta blocca i lavori dell'Assemblea capitolina, convocati gli Assessori soprattutto quello alle Politiche Scolastiche ed Educative Marco Rossi Doria, che dopo un mese di incontri e diatribe su cavilli formali, prova a riportare la proposta dei lavoratori e lavoratrici autorganizzati (sostenuta da Usi e Cgil FP e caldeggiata dagli enti già affidatari del servizio per aver vinto appalti negli anni precedenti, Ermes, Eureka I, Arci Solidarietà e Focus-Casa dei Diritti Sociali) e la soluzione più logia e razionale: PROROGA TECNICA IN ATTESA DI UN BANDO DI GARA APERTO PER TUTTO IL SERVIZIO E LE COMPLESSE ATTIVITA' DI SCOLARIZZAZIONE ALUNNI-E ROM, SINTI CAMINANTI (cioè IL DIRITTO ALLO STUDIO, SENZA DISCRIMINAZIONI E DISPARITA' DI TRATTAMENTO per circa 2000 bambini-e specie dei vari campi e villaggi attrezzati sparsi nelle periferie della capitale) e far riprendere il lavoro e le attività dei 107 lavoratori e lavoratrici, tra i quali operatrici e operatori di etnia rom, quasi tutti a tempo indeterminato (stabilizzati e con l'applicazione regolare del CCNL Cooperative Sociali).

UNA GRANDE PROVA DI AUTORGANIZZAZIONE E DI LOTTA DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI, con il sostegno pieno del sindacato autorganizzato USI e la presenza combattiva dei responsabili degli enti, lavoratori e lavoratrici anch'essi da molti anni nel terzo settore a Roma.
Franato il piano di estendere, con manovre arzigogolate e cavilli formali, il solo servizio di accompagnamento sui mezzi di trasporto spaccandolo da tutto il resto delle attività, la scolarizzazione e la mediazione interculturale sui territori e nelle scuole (dalla materna fino alle medie), alla Roma Multiservizi Spa e alle aziende vincitrici dell'appalto di 8 anni del trasporto scolastico,  poche decine di bambini-e caricati sui pullmini con lavoratori di Roma Multiservizi non addestrati e formati per questo tipo di lavoro e non a conoscenza nemmeno dei percorsi delle linee...

LA LOTTA PROSEGUE, dopo il pressing di questi mesi, con manifestazioni, presidi, volantinaggi, presenza massiccia ai tavoli di trattativa, dove USI e CGIL FP hanno sostenuto le ragioni di lavoratrici e lavoratori, della correttezza degli enti già appaltatori (coop sociali e onlus NON facenti parte del calderone di inchieste e legami di MAFIA CAPITALE, che stavano subendo lo stesso il rigorismo ossessivo e il parallelismo tra cooperative sociali e mafia capitale...senza valutare bene se sia meccanicamente così). PROPOSTE CHE IL SINDACATO AVEVA FATTO DA MESI E FORMALIZZATO IN DOCUMENTI E ILLUSTRATO NEGLI INCONTRI, scontrandosi con il muro di gomma di chi invece con la scusa della legalità, sta invece continuando a far proseguire il sistema poco trasparente, poco logico, poco efficace. ALLO STATO ATTUALE, IL DIRITTO ALLO STUDIO NON E' ANCORA GARANTITO PER QUESTI SERVIZI E NEMMENO IL DIRITTO AL LAVORO E LA CONTINUITA' EDUCATIVA, OCCUPAZIONALE E DI SVILUPPO DI PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE E DI CONTRASTO ALLA DISPERSIONE SCOLASTICA...

Vedremo nelle prossime 24 ore, se la Giunta e gli Assessori a vario titolo competenti (Politiche Scolastiche, Politiche Sociali e Legalità e trasparenza) riusciranno a piegare le resistenze dei direttori apicali e nella stessa giunta capitolina, facendo gli atti corretti e ponendo le basi per ripristinare servizi e lavoro, occupazione e progettualità, anche se l'anno scolastico 2015 2016 è iniziato malissimo per gli alunni -e di etnia rom e sinti, per le loro famiglie (che senza gli operatori rimasti senza lavoro di scolarizzazione rom e mediazione, non faranno a tempo a fare le pratiche per l'ISEE per le agevolazioni di mensa, buoni libro scolastici, trasporto...un danno che si aggiunge ad altri danni) e per i lavoratori e le lavoratrici, che NON MOLLANO E ANZI HANNO APPRESO IN TEMPO REALE E NELLA LOTTA, la lezione di pratica autorganizzata e autogestita,  di azione e di protesta data dai lavoratori dell'Usi ORA E SEMPRE RESISTENZA, ROMA CITT' APERTA, ROMA NON SI S/SVENDE, ROMA VA LIBERATA DI NUOVO ...anche da Mafia Capitale

a cura di USI e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Roma, 23 settembre 2015