Dussmann: il rispetto delle procedure

Milano li, 21.11.2013

 

Al Signor Prefetto di Milano                   

Dottor Francesco Paolo Tronca                           

C.so Monforte 31                           

20121 Milano                               

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fax 02 77 58 41 17

 

Spett.le                                   

Commissione di Garanzia per                                    

L’attuazione della legge sullo                                   

Sciopero nei servizi essenziali                                   

Piazza del Gesù, 46                                   

00186 Roma

Fax 06 94 53 96 80

 

Spett.le                                   

Fondazione Istituto S. Famiglia                                   

Piazza Monsignor Moneta, 1                                    

20090 Cesano Boscone (MI)                               

Alla c.a. Dottor Palladini

Fax 02 45 67 74 16

Spettabile                                   

Dussmann Service S.r.L.                               

Via S. Gregorio, n° 55                                   

20124 Milano   

Fax 02 915 18 112           

 

Oggetto: verifica del rispetto  dell’art. 2 comma 6 della legge n° 146 del giugno 1990 per lo sciopero del 25 novembre 2013 C/O Fondazione Istituto Sacra Famiglia in Cesano Boscone (MI). Le scriventi O.S. USI – C.T. & S. e COBAS Lavoro Privato, rispettivamente in rappresentanza delle strutture, Provinciali e Regionali (Milano e Lombardia), esperita la procedura ai sensi dell’art. 2 comma 6 della legge n° 146 del giugno 1990, come modificata dalla legge n° 83/2000, hanno proclamato per il giorno 25 novembre 2013 una giornata di sciopero presso il cantiere della Fondazione Istituto Sacra Famiglia di Cesano Boscone, gestito dall’impresa DUSSMANN Service S.r.l. e per la parte del ramo di affitto d’azienda dalla DUSSMANN Soultions S.r.l.

Rilevano

che la società Dussmann Service, nella persona del Responsabile delle relazioni industriali, dott. Alessandro Longo, non ha ritenuto opportuno convocare ed incontrare le OO. SS. Territoriali di USI – C.T. & S. e COBAS Lavoro Privato per definire durante l’astensione programmata dal lavoro del personale:

a.    La gestione delle attività di pulizia e di sanificazione

b.    La gestione di alcuni servizi relativi alle attività di continuità assistenziale (bagni, ecc);

c.    La riduzione e la frequenza delle attività connesse allo svuotamento cestini in aree specifiche;

d.    La gestione delle attività di ausiliariato in relazione alla ridotta presenza di personale;

e.    Altre situazioni d’emergenza.

Motivi dei rilievi

DUSSMANN Service S.r.l. il giorno 20.11.2013 comunica alle scriventi Organizzazioni sindacali, a distanza di circa nove giorni dall’indizione dello sciopero ed a soli quattro dal suo svolgimento, che avrebbe esposto nella bacheca aziendale l’elenco dei lavoratori precettati nei vari servizi, scelti con criteri unilaterali, senza comunicare alle OO.SS. che hanno indetto lo sciopero nonostante in data 22.10.2012 USI - C.T. & S. e COBAS Lavoro Privato avessero firmato con la società uscente Manutencoop, un accordo sui servizi minimi, in occasione di uno sciopero proclamato per il 24.10.2012. L’accordo sui servizi minimi era stato applicato anche in occasione del successivo sciopero del 14.11.2012.

L’elenco dei lavoratori comandati a prestare la loro attività viene esposto nel pomeriggio del 21.13.2013 impedendo di fatto qualunque tipo di verifica e la stessa possibilità di effettuare sostituzioni.

 

Evidenziano

La condotta antisindacale mantenuta da DUSSMANN Service s.r.l. in occasione dello sciopero indetto per il 25 novembre p.v. e più in generale nel rifiuto a trattare con le OO.SS. le condizioni del passaggio di appalto, pur in presenza di RSA già riconosciute ai sensi dell’art. 4 CCNL Multiservizi e l’applicazione degli istituti contrattuali. 

 

Chiedono

Alla Commissione di Garanzia di verificare eventuali omissioni da parte della Società DUSSMANN Service s.r.l. in materia di regolamentazione del diritto di sciopero.

Nell’attesa distinti Saluti                              

 

P. la segreteria                                     P. la segreteria

USI – C.T. & S.                                    COBAS Lavoro Privato

 

Sandro Bruzzese                                  Nicola Delussu